Categorie
Blog

Non è una gara

Uno dei detti preferiti della signora Jones è: "Il confronto è il ladro della gioia". Se guardi online, quella citazione viene spesso attribuita a Theodore Roosevelt (anche se dubitiamo che lo intendesse nel contesto dello stile di vita). Tuttavia, si applica giustamente!

Ecco il punto: è fantastico ascoltare, leggere e parlare delle esperienze degli altri nello stile di vita per imparare da loro. Dopotutto, nell'avvio del podcast e del sito Web We Gotta Thing era nostra speranza che le persone potessero trarre vantaggio dall'ascolto delle nostre esperienze, riflessioni e idee mentre viaggiamo insieme attraverso lo stile di vita. E la comunità online di We Gotta Thing prospera in gran parte perché le persone si divertono e crescono dalle loro discussioni con coppie che la pensano allo stesso modo.

Allo stesso tempo, c'è un pericolo molto reale nel permetterci di andare oltre la condivisione reciproca per misurare dove siamo nello stile di vita rispetto a dove potrebbero essere gli altri (o dove pensiamo che siano). Credere che dovremmo avere le stesse esperienze o essere nello stesso posto nel nostro viaggio come gli altri può ostacolare seriamente il nostro obiettivo di goderci lo stile di vita!

La cosa da ricordare è quella non è una gara. Almeno, non dovrebbe essere. Misurarsi con gli altri si chiama "confronto sociale" e può essere davvero, davvero problematico.

Non ci credi? Chiedi alla scienza. Una meta-analisi della ricerca sulla teoria del confronto sociale che è stata pubblicata su Psychological Bulletin nel febbraio 2018 ci supporta su questo. La dichiarazione d'impatto che accompagna la meta-analisi dice molto:

"Questo articolo riassume più di 60 anni di ricerca sul confronto sociale e mostra che le persone generalmente scelgono di confrontarsi con persone che sono superiori a loro in qualche modo, anche in presenza di minacce all'autostima, e che questi confronti tendono a peggiorare valutazione dell'umore e delle capacità inferiori. I confronti con persone prossimali e su nuove dimensioni aumentano questi effetti ".

Analizziamolo un po 'e collegiamolo allo stile di vita –

"… le persone generalmente scelgono di confrontarsi con persone che sono superiori a loro in qualche modo …"

In altre parole, tendiamo a confrontarci con persone che pensiamo siano più avanzate in qualche modo di noi. Potrebbe essere che pensiamo che siano "migliori" in questo o possiamo percepirli come "avanti" di noi in qualche modo. E gli oggetti del nostro confronto non devono nemmeno credere o agire come se fossero "superiori" in alcun modo, se stessi. È nelle nostre menti: se pensiamo che siano migliori, tendiamo a confrontarci con loro (e non siamo all'altezza, secondo la nostra stima).

Nello stile di vita, questo accade sempre. Quando le coppie entrano nel loro viaggio, incontrano persone che ci sono state per molto, molto tempo e hanno acquisito non solo molta esperienza ma anche molta saggezza (conquistata a fatica). Incontrano anche alcune nuove coppie che si sono tuffate senza esitazione e sono estremamente attive, acquisendo rapidamente esperienze. È facile lasciarsi prendere dal confronto tra il nostro viaggio e quello degli altri e sentirci come se fossimo in qualche modo deficienti o "indietro".

"… anche in presenza di minacce all'autostima … questi confronti tendono a provocare un peggioramento dell'umore e una minore valutazione delle capacità."

Ecco la parte "ladro di gioia". Ciò che questo sta dicendo è che confrontarci con gli altri in questo modo non ci fa sentire molto bene con noi stessi … e di conseguenza siamo ancora più autocritici di quanto dovremmo essere.

"Non abbiamo ancora giocato con nessuno, ma quell'altra nuova coppia ha già giocato con tre o quattro coppie. Dobbiamo essere indietro. "
“Quella coppia è stata a una festa in casa, a un evento Lifestyle e a Desire. Non siamo ancora riusciti a creare un profilo! Cosa c'è di sbagliato in noi? "
"Dang. Siamo stati soft-swap per un anno e quella coppia sta già passando al full-swap. Forse c'è qualcosa che non va nel modo in cui ci stiamo avvicinando allo stile di vita. "

Questi sono alcuni dei modi in cui possiamo picchiarci per non essere sulla stessa strada degli altri o negli stessi luoghi che percepiamo come "pietre miliari".

"I confronti con persone prossimali e su nuove dimensioni aumentano questi effetti".

Questo bit dice che gli effetti negativi che proviamo dal confronto sociale sono peggiori quando i soggetti del nostro confronto sono le persone a cui siamo vicini e quando ci confrontiamo in un'area che è nuova per noi.

Man mano che conosciamo altre coppie che la pensano allo stesso modo e facciamo amicizia nello stile di vita, quelle sono le persone con cui è più probabile che parliamo delle esperienze … e anche le persone con cui è più probabile che ci confrontiamo. Possono rientrare in questa categoria anche i podcaster che ascoltiamo oi blogger che leggiamo abitualmente e che conosciamo bene in questi modi.

E quando ci impegniamo nel confronto sociale mentre iniziamo nello stile di vita – o semplicemente lo esploriamo come una possibilità – i nostri sentimenti di inadeguatezza possono essere distorti ancora di più. Il confronto nasce dal nostro desiderio di valutare dove siamo con qualcosa di nuovo per noi e di assicurarci che lo stiamo facendo "bene", ma può provocare alcune emozioni davvero negative e brutte esperienze.

Il risultato di tutto questo non è che dobbiamo andare da soli. Non abbiamo bisogno di smettere di leggere blog, ascoltare podcast o prendere parte a comunità di Lifestyle in cui parliamo con gli altri dei nostri viaggi nello stile di vita.

Quello che dobbiamo fare, come suggerito in almeno un articolo su Psychology Today, è fare uno sforzo consapevole per sostituire la nostra abitudine al confronto sociale con il confronto temporale, confrontandoci dove siamo adesso con dove eravamo nel passato e dove voglio essere nel futuro.

L'analogia della gara funziona bene qui: quando entriamo in una mezza maratona, non ci aspettiamo di battere tutti gli altri che corrono. Si chiama "gara", ma tutti i partecipanti (tranne i corridori più d'élite) stanno effettivamente partecipando con l'obiettivo di raggiungere un record personale, non battere gli altri corridori. Possiamo sentirci delusi se non corriamo bene come l'ultima volta che abbiamo corso, o così come sappiamo di essere in grado di correre, ma non ci arrabbiamo che altri corridori siano arrivati ​​al traguardo prima di noi (anche se possiamo essere un po 'amareggiati che arrivino anche alla tenda della birra prima di noi).

Per combattere il potenziale negativo del confronto sociale, proviamo a confrontarci solo con gli obiettivi di corsa – o obiettivi di stile di vita – che ci siamo prefissati e guardiamo a dove siamo ora rispetto a dove eravamo in un certo punto del passato . Non importa dove siano gli altri con i loro obiettivi, perché la loro "razza" non è la nostra "razza".

Il cibo da asporto? Quando ci sentiamo coinvolti nel confronto con gli altri, dobbiamo ricordare a noi stessi (e al nostro partner) di misurare il nostro successo in termini di crescita verso i nostri obiettivi. La gioia che si può provare nello stile di vita è che possiamo aggiungere alla relazione appagante che abbiamo già con il nostro partner, quindi, ovunque ci troviamo in un dato momento in quella ricerca è esattamente il posto giusto per noi. Non importa cosa stiano facendo gli altri o quale ritmo stiano perseguendo gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *